Contest | #Lazzaro | SUBSONICA


Questa è la mia versione del nuovo video dei Subsonica, "Lazzaro".
http://youtu.be/_0QgUGjR5dM
I video del playback sono stati girati da Gianluca Signorino (Soundcave) presso i Four Studios. Il video scelto da una giuria e il video con più visualizzazioni saranno premiati da Wired e Subsonica in occasione dell'evento di Wired a ottobre 2014 e verranno aggiunti nei canali ufficiali dei Subsonica. Come già mi è capitato per qualche altro videoclip, pure questo si assesta e s'inserisce nella ricerca estetica che sto portando avanti da qualche tempo con il miei lavori di videoarte. SE VI PIACE CONDIVIDETELO, BASTA UN PLAY PER AIUTARMI (ma anche un like al video può essere utile per fomentare la mia autostima in un giorno festivo). Anche se odio queste strategie social social e mi appellerei volentieri alla sola giuria, spero vi piaccia: non seguivo i Subsonica da tempo ma questo pezzo promette bene per il nuovo album, o no?
#‎subsonica‬ ‪#‎lazzaro‬

Contribution to the research of Matteo Campulla

Molti di voi mi conoscono e sanno che NON dipingo per vendere e solitamente NON vendo perché non m'interessa. Oggi invece dico che qualsiasi cosa voi vediate di me in giro È IN VENDITA. Il prezzo lo potete fare anche voi. Dato che molte produzioni sono immateriali, non possono essere definite un prodotto quindi, potete aiutarmi facendomi anche solo una donazione o comprando qualche disegno/quadro.Oppure v'interessa un DVD ad hoc di una mia opera? Scrivetemi. I prezzi sono molto bassi, contattatemi in privato se interessati.
Per effettuare una donazione basta seguire il link qua sotto, valido anche per i miei ex datori di lavoro che si sentono in colpa.
Se volete potete condividerlo, mi dareste realmente una mano.

GRAZIE!




teaser | LIMITI di Matteo Campulla a cura di Roberta Vanali e Efisio Carbone

LIMITI di Matteo Campulla a cura di Roberta Vanali e Efisio Carbone

Matteo Campulla vincitore del Premio Babel per la sezione VIDEO, presenta la sua mostra personale "LIMITI" allo Spazio (In)visibile dal 28 febbraio fino al 15 marzo, a cura di Roberta Vanali e Efisio Carbone.

Povero amico! Da due anni ormai, da due lunghi anni tu sei qui,
in questo paese di sete, ai piedi di questa montagna nuda, chiuso
nel fascino della città morta, a scavare la terra, a scavare la terra,
con quegli spaventosi fantasmi sempre diritti innanzi agli occhi
tra la polvere ardente.... Come la tua forza non s'è rotta prima
d'ora? Per due anni tu hai respirato le esalazioni micidiali dei
sepolcri nascosti, curvo sotto l'orrore del più tragico destino che
mai abbia divorato una stirpe umana. Come hai potuto resistere?
Come non hai avuto paura della demenza? Tu sembri un uomo
avvelenato; e qualche volta ti ho visto gli occhi d'un frenetico."

(da “La Città Morta” di Gabriele D’Annunzio)



Spazio (In)Visibile - Via Barcellona - Cagliari
https://www.facebook.com/events/295581870593811/295613247257340

ROCKBUS | Il bus museo che nessuno vuole

da unionesarda.it (Sabato 02 novembre 2013)

Il bus museo che nessuno vuole 
E' il simbolo della protesta operaia


A Iglesias da un anno e mezzo il "Rockbus museum" è abbandonato alle intemperie, e non si trova ente o istituzione che se lo prenda. Ma sull’autobus ci sono anche, dipinte sulla carrozzeria o nell’abitacolo o, se mobili, amorevolmente conservate in luoghi asciutti e sicuri, opere di Crisa, Bob Marongiu, Mauro Rizzo, Alberto Balletti (che ha partecipato alla
Biennale d’arte di Venezia), e tanti altri. I lavoratori della ex Rockwool lo hanno usato come quartier generale per le loro proteste e ora hanno provato a offrirlo alle istituzioni. Senza successo.

Sull'Unione Sarda di oggi il racconto di Marco Noce.
Sabato 02 novembre 2013 08:01